Riscaldare casa con poco: ora è possibile 2


Iscriviti alla newsletter

E’ possibile riscaldare una casa di 100 mq con poco più di 1 euro al giorno?

Riscaldare casa con poco più di un euro al giorno sembrerebbe proprio possibile: è in fase di studio, anche se già molto avanzato, il progetto “legno-casa”, portato avanti da Lorenzo dell’associazione QUINDI SONO, il “padre” della PIROLOTTA.

Sfruttando lo stesso principio della PIROLISI, sarà infatti possibile stoccare all’interno di una o più “cartucce” (bruciatori pirolitici) una grande quantità di biomassa da pirolizzare.

La biomassa, attraverso il processo pirolitico (ben collaudato e confermato dal grande successo di pirolotta), andrà a produrre una fiamma che, a contatto con uno scambiatore, riscalderà sia l’acqua per l’impianto di riscaldamento che l’acqua sanitaria.

Sembra incredibile, ma ora sarà possibile riscaldare casa davvero con poco…anche grazie al fornitore di cippato estremamente economico (circa 8-10 volte più economico del pellet), con il quale stiamo stringendo una collaborazione.

Facciamo un esempio pratico:

CARTUCCIA PIROLITICA: dimensione di circa 35 cm di diametro x 100 cm di altezza, con una capienza complessiva di 40/42 kg di biomassa

RESA DEL CIPPATO (BIOMASSA): con processo priolitico si riesce ad estrarre 3,5 kW/h per kg.

RESA COMPLESSIVA DELLA CARTUCCIA: 140 kW in 16 ore circa

RESA ORARIA DELL’IMPIANTO: circa 9 kW/h, dalle 7.000 alle 8.000 kcal/h

FABBISOGNO PER METRO CUBO: mediamente per riscaldare una casa di 100 mq (270 metri cubi) con un isolamento non particolarmente performante (tipica abitazione anni 60/70) servono dalle 30 alle 40 kcal per metro cubo, ovvero 8000 / 9000 kcal/h (quello che produce la cartuccia pirolitica prima descritta).

Link di approfondimento sulle calorie medie necessarie: CLICCA QUI. Consigliamo comunque di chiamare un termotecnico per calcolare esattamente il proprio fabbisogno energetico per riscaldare casa.

COSTO MEDIO DI UNA TONNELLATA DI CIPPATO: dalle 20 alle 30 euro (prezzo da definire).

Questo significa circa 0,03 euro/kg

al posto di 0,3 euro kg del pellet

E cosa significa tutto ciò?

Vuol dire che riscaldare una casa di 100 mq, con scarso isolamento termico, con una cartuccia pirolitica da 40 kg di cippato, potrebbe venire a costare poco più di €. 1,50 al giorno!!!

Riscaldare casa, acqua sanitaria e produrre biochar per concimare

RISCALDARE CASA E ACQUA SANITARIA

Le due cose sono possibili grazie allo scambiatore posizionato nel tubo di scarico che trasmette il calore della fiamma all’acqua nella serpentina. Lo scambiatore è già disponibile, clicca qui e cerca tra gli accessori di Pirolotta.

L’acqua nella serpentina circola (grazie a un normale circolatore) e scarica il calore prodotto all’interno di un accumulo. L’accumulo potrebbe essere realizzato con molto poco, riutilizzando per esempio un bidone dell’olio, isolato esternamente e riempito di sabbia comune per aumentarne l’accumulo di calore.

All’interno dell’accumulo ci sono poi due serpentine in rame indipendenti: una per l’acqua di riscaldamento e una per l’acqua sanitaria. Queste possono essere allacciate agli impianti esistenti in modo autonomo o dall’idraulico, con costi davvero ridotti.

RISCALDARE CASA E PRODURRE BIOCHAR PER CONCIMARE IL GIARDINO O L’ORTO DI CASA

Come risultato della pirolisi, si ottiene biochar che oltre al nobile scopo ambientale (trattiene CO2 al suolo invece che immetterla in atmosfera) è un grande concime. CLICCA QUI per maggiori informazioni.

Sarà facilmente scaricabile dal fondo della cartuccia sul carrellino sotto, pronto da utilizzare nell’orto o nel giardino.

E’ POSSIBILE RISCALDARE CASA ANCHE CON METRATURE SUPERIORI?

Certamente. Grazie alla modularità degli impianti (vedere impianto “SEMI”) è possibile inserire due cartucce pirolitiche, che appoggiate alla base rotante possono essere interscambiate l’una con l’altra.

Quando finisce la prima, si ruota la base, parte la seconda e nel frattempo è possibile ricaricare la prima, e via in questo modo. La manutenzione della cartuccia richiede pochi minuti.

Così facendo si possono riscaldare: 200 mq con 2 cartucce, 300 mq con 3 cartucce, 400 mq con 4 cartucce…

Troppo bello per essere vero?

Se l’articolo ti ha incuriosito, CONDIVIDILO!

Vuoi rimanere aggiornato sugli sviluppi del progetto? ISCRIVITI alla nostra newsletter!

Se hai bisogno di altre info, scrivi una mail a info@versoluno.com

Legno-casa-2 Legno-casa-3

Legno-casa-4

Legno-casa-5Legno-casa-6Legno-casa-7

Legno-casa-8

 

 

Iscriviti alla newsletter

Print Friendly

Comments

comments


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Captcha * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

2 commenti su “Riscaldare casa con poco: ora è possibile

    • admin L'autore dell'articolo

      Lo segue lei direttamente o si fa dare una mano da una persona che ha più dimestichezza con questa materia. A livello di blog, esponiamo solo idee realizzabili, ma non siamo strutturati per realizzarle sul campo. So per certo che qualche lettore, già si produce acqua sanitaria calda e qualcuno ha sperimentato la pirolisi, in serre e garage oltre all’abitazione. Altri stanno provando su termocamini ad aria o ad acqua…